Misteri di Trapani 2017 - quinta scinnuta con l'Ascesa al Calvario

Quinto appuntamento quaresimale oggi pomeriggio nella chiesa del Purgatorio con “L’Ascesa al Calvario”, il gruppo più rappresentativo dell’intera processione dei Misteri. Come di consueto, intorno alle 17.30 si esibirà la banda musicale “Città di Paceco” diretta dal maestro Claudio Maltese, e intorno alle 18.30 partirà dalla chiesa di San Domenico la stazione quaresimale con il vescovo Fragnelli e le parrocchie Sacro Cuore, S. Teresa di Gesù b. Maria SS. Ausiliatrice, che giungeranno al Purgatorio per la concelebrazione Eucaristica; al termine della Santa Messa come di consueto ci sarà una nuova esibizione della banda di Paceco che accompagna il gruppo del popolo da 40 anni ininterrotti, a significare il forte legame che si può creare tra l'accompagnamento musicale e il Sacro Gruppo quasi a divenire un tutt'uno, escludendo ovviamente il lato pecuniario che è insito nel rapporto tra banda e ceti da sempre.

Il gruppo de “L’Ascesa al Calvario”, comunemente chiamato “u Signuri ca cruci ‘n coddu, fu affidato alla categoria degli jurnateri(lavoratori di giornata) il 6 aprile 1612, poi nel corso degli anni fu affidato anche ai bottai, ai fruttivendoli ed infine, fu affidato all’intero popolo. Il Cristo, con in spalla una meravigliosa croce d’argento, è stato realizzato nei primi anni del ‘900 da Giuffrida, a sostituire la statua precedente di Antonino Croce; di notevole espressività, rappresenta senza ombra di dubbio uno tra i più belli volti presenti in tutta la serie dei diciotto gruppi scultorei, così semplice e minuto quando si trova "spoglio" durante l'anno in chiesa, così imponente quando è arricchito da suppellettili, ex-voto, pesanti ceri e addobbi floreali.

Di notevole fattura gli antichi argenti che adornano il tredicesimo gruppo, tra cui la bandoliera risalente al 1814, l’antica croce realizzata nel 1751 , ma anche catene, sciabole, corone di spine, l’armatura del soldato, l’elmo, il ramo, il puntale, i pennacchi, il fazzoletto della veronica e tantissimi ex-voto, oltre che la corona di spine con raggiera in oro, indossata sul capo del Cristo dal 2010.

Per un trapanese verace, la Scinnuta del tredicesimo gruppo ha un significato molto importante poiché tra due settimane esatte il portone del Purgatorio si aprirà per rinnovare ancora una volta la storia, stravolta o travisata che sia, con i Sacri gruppi per le strade, tra “u ciauru di cira”, i colpi di “ciaccula” e le struggenti note funebri di questa secolare processione che, pur avendo perso in un certo senso la propria identità nel corso degli anni, conserva sempra la sua connotazione popolare che la rende unica sotto tutti i punti di vista.

Francesco Genovese

 


Misteri di Trapani 2017 - Oggi la quarta scinnuta

Quarta scinnuta oggi pomeriggio nella chiesa del Purgatorio con i gruppi "La Sentenza" del ceto dei macellai ed "Ecce Homo" del ceto dei calzolai e calzaturieri.

Come da programma, alle 17.30 si esibirà in piazzetta la banda “G. Candela” di Buseto Palizzolo, che intonerà le caratteristiche marce funebri, per poi sospendere durante la recita del rosario in attesa dell’arrivo della stazione quaresimale dalla chiesa di San Domenico e la concelebrazione della Santa Messa al Purgatorio, presieduta dal Vescovo Fragnelli, al termine della quale ci sarà un’altra esibizione della banda; alla stazione quaresimale parteciperanno le parrocchie di San Francesco d'Assisi, San Lorenzo, San Nicola e San Pietro.

Il gruppo de “La sentenza”, realizzato da Domenico Nolfo, anticamente era chiamato “La condanna di Gesù”, mentre “Ecce Homo” è stato realizzato da Giuseppe Milanti e rappresenta indubbiamente uno dei più bei gruppi dell’intera serie. Pur trattandosi di due gruppi vicini come sequenza, ma lontani per quanto riguarda l’anno di realizzazione, essi hanno in comune sul Cristo, il volto della rassegnazione, nonché il personaggio di Pilato che risulta somigliante, anche se il Pilato realizzato dal Milanti è di fattura superiore rispetto al Pilato di Nolfo.

Pregevole sul gruppo curato dai calzolai, la splendida balconata argentea, realizzata nella seconda metà del 1800 dall’argentiere Giuseppe Parisi, che viene posta sul gruppo soltanto in occasione della scinnuta e della processione, mentre durante il resto dell’anno viene utilizzata una copia plastica della balconata; fino a pochi anni fa esso veniva lasciato senza alcun balcone, spiazzando i visitatori che recandosi in chiesa non riconoscevano il gruppo, che si identifica con questo importante ornamento. Ad ogni modo, è ormai consuetudine da parte dei ceti, la realizzazione di copie dei suppellettili che vengono posti sui gruppi durante tutto l’anno in chiesa. Fino a pochi anni fa, la bellezza stava proprio nel vedere durante tutto l’anno i gruppi totalmente spogli, senza aureole e suppellettili vari, per poi vedere i Misteri “vestiti” soltanto in occasione del Venerdì Santo.

Alla Scinnuta di oggi parteciperà una nutrita delegazione dell'Associazione “Real Maestranza – Città di Caltanissetta” e inoltre ci sarà anche la Congregazione di Maria Santissima Addolorata, che ha sede in Alcamo presso la Chiesa di Sant’Oliva, gemellata con il ceto dei macellai.

 

 


Misteri di Trapani 2017: oggi la terza scinnuta

Terza scinnuta oggi pomeriggio nella chiesa del Purgatorio con i gruppi "La flagellazione" del ceto dei muratori e "La coronazione di spine" del ceto dei fornai. Ad intonare le struggenti marce funebri nella piazza antistante la chiesa sarà la Nuova banda musicale maestro "G. Asaro" di Paceco. Come da programma, dalla chiesa di San Domenico partirà la stazione quaresimale con le parrocchie di San Michele e N.S. di Fatima per giungere al Purgatorio dove sarà concelebrata la Santa Messa presieduta dal vescovo Pietro Maria Fragnelli, al termine della quale ci sarà una nuova esibizione della banda in Piazzetta.

Come ormai da tradizione, in occasione della terza Scinnuta, oltre alla banda musicale ci sarà l’esibizione del coro Trapani Mia che intonerà alcuni brani all’interno della chiesa poco prima dell’ultima esibizione della banda in piazza.

Il gruppo de “La flagellazione”, ornato dalla meravigliosa colonna argentea, è un’espressiva opera di autore ignoto che fu restaurata nel 1860 da Antonio Croce, poiché il gruppo si rovinò in seguito ad una caduta dei portatori. Negli anni successivi fu nuovamente restaurato da Cafiero a fine anni '60 e poi a seguire gli infelici restauri eseguiti nel 1987 e nel 1998 che hanno fatto perdere l'espressività e la bellezza originaria sopratutto per i toni eccessivamente chiari sui personaggi; basta guardare infatti le foto del gruppo risalenti a prima del 1987 per notare la netta differenza tra passato e presente.

Non è da meno in termini di espressività, il gruppo della "Coronazione di Spine", realizzato nel 1764 da Antonio Nolfo, che ricostruì l'opera originale andata danneggiata in seguito ad una caduta dei portatori. Lo stesso gruppo fu distrutto dai pesanti bombardamenti del '43 e ricostruito nel 1946 dal bravo Cafiero.

La terza scinnuta nel corso degli anni ha subito parecchie modifiche, che originariamente spettava solamente a “La coronazione di spine”, detto anche “u mistere di l’ingiuria”. Successivamente nel dopoguerra(le scinnute sono riprese nel 1964), pare  per motivi economici, il gruppo fu sostituito da “La flagellazione”, detto “u mistere da colonna”. Dopo anni di scinnute singole, fu deciso di accorpare i due gruppi, tranne che nel 2001, quando i due misteri furono accorpati ad altri due gruppi (Ecce Homo e La Sentenza), e nel 2005 quando “scese” solamente “La flagellazione”.

Francesco Genovese

 


Misteri di Trapani 2017: oggi la seconda scinnuta

Seconda Scinnuta oggi pomeriggio nella chiesa del Purgatorio con i gruppi “Gesù dinanzi ad Hannan” e “Gesù dinanzi ad Erode”.

Come da programma, intorno alle 17.30 l'imponente banda musicale “Città di Trapani” diretta dal Maestro Alessandro Carpitella, intonerà il repertorio funebre con il trasporto emozionale e la passione che li contraddistingue. Al termine dell’esecuzione musicale, alle 18:30 partirà dalla chiesa di San Domenico la via Crucis con il vescovo e le parrocchie Sant'Alberto, Maria S.S. Annunziata e N.S di Lourdes, a cui seguirà la concelebrazione eucaristica, e a seguire, la banda intonerà altri brani funebri.

Il gruppo “Gesù dinanzi ad Hanna” curato dal ceto dei fruttivendoli, rappresenta senza ombra di dubbio, uno dei più imponenti ed espressivi gruppi tra i venti Misteri, in cui figurano degli antichi argenti di ottima fattura, come per esempio il guanto e la corazza del soldato, figli delle più fiorenti botteghe artigiane trapanesi di un tempo; sempre presente sin dall’antico ordine delle Scinnute, fu distrutto nel 1943 dai bombardamenti angloamericani e ricostruito fedelmente da Domenico Li Muli per ritornare in processione nel 1951. Fu affidato nel ‘700 al ceto dei venditori di fiori e frutta, divenuto poi dei fruttivendoli che ne organizzano la processione con tanta devozione e impegno. Il ceto cura anche la processione della Madre Pietà del Popolo il mercoledì santo.

Il gruppo "Gesù dinanzi ad Erode" del ceto dei pescivendoli, fu realizzato alla fine del '700 da Baldassarre Pisciotta, e rappresenta di fatto, l’ultimo gruppo entrato a far parte della processione dei Misteri e nel corso dei secoli ha cambiato diverse categorie di appartenenza:Mugnai, Sensali, Crivellatori di cereali e Dipendenti Comunali, fino ad arrivare ai pescivendoli dal 1955 in poi.

 

 


Processione dei Misteri di Trapani 2017 - Oggi la prima Scinnuta

Prendono il via oggi nella chiesa del Purgatorio, i riti quaresimali delle scinnute con quattro gruppi: “La lavanda dei piedi”, “Gesù nell’orto”, “L’arresto” e “La caduta al Cedron”.

Ad esibirsi nella piazza antistante la chiesa sarà la banda di Calatafimi che alle 17.30 intonerà brani vecchi e nuovi del repertorio funebre, per i trapanesi “a musica ‘ri misteri”: le prime note sotto gli occhi della gente come se stessero attendendo di riassaporare delle sensazioni lasciate a riposo per un anno.

Poco dopo partirà da San Domenico la stazione quaresimale presieduta dal Vescovo Fragnelli insieme alle parrocchie di San Paolo, San Giuseppe, N.S. di Loreto e San Lorenzo Levita, fino ad arrivare al Purgatorio dove verrà concelebrata la Santa Messa, al termine della quale ci sarà come di consueto una nuova esibizione della banda.

I gruppi di oggi saranno disposti davanti l’altare, addobbati da fiori e argenti: quattro pregevoli opere che raccontano le fasi iniziali della passione di Cristo, anche se "La Caduta al Cedron" rappresenta un episodio citato nei vangeli apocrifi. Storicamente, la prima scinnuta spettava al gruppo “Gesù nell’orto”; dal dopoguerra subentrò il gruppo del Cedron, fino ad arrivare ai giorni nostri con l’introduzione di una mera “esposizione” multipla, dove i quattro gruppi insieme, attaccati l’un l’altro, perdono il loro fascino; d'altra parte bisogna accettare tristemente che in questa processione è molto più facile disfare che fare, visto che i "custodi della tradizione" sono sempre più propensi ad introdurre novità a discapito della storia.

Tutto ciò che è stato, per quanto riguarda il rito delle Scinnute, rimarrà soltanto un ricordo evidenziato dai pochi che puntualmente sottolineano queste nette differenze tra passato e presente, con i mille dubbi sul futuro e su ciò che sarà questa processione col passare degli anni.

In vista della processione del 14 aprile, si attendono modifiche di natura tecnica  sull'itinerario approvato a dicembre dall'Unione Maestranze, ma rimarrà invariato il perno principale di quest'anno, ovvero la percorrenza della zona del porto peschereccio nella giornata di venerdì Santo subito dopo l'uscita e non all'alba del sabato come solitamente avviene. Si tratta di una novità che fu introdotta in modo similare nel 1973, quando la processione era più ridimensionata e sopratutto, decisamente più bella dei giorni nostri.

Francesco Genovese

 


Processione dei Misteri di Trapani: al via il 3 marzo le Scinnute

Al via il prossimo 3 Marzo le tradizionali Scinnute che fanno da anticamera alla sempre tanto attesa processione dei Misteri del prossimo 14 aprile.

Ecco il calendario delle Scinnute:

3 marzo: LA LAVANDA DEI PIEDI - GESU'NELL'ORTO - L'ARRESTO - LA CADUTA AL CEDRON
10 marzo: GESU' DINANZI AD HANNAN - GESU' DINANZI AD ERODE
17 marzo: LA FLAGELLAZIONE - L'INCORONAZIONE DI SPINE
24 marzo: ECCE HOMO - LA SENTENZA
31 marzo: L'ASCESA AL CALVARIO
4 aprile: Madre Pietà dei massari
5 aprile: Madre Pietà del popolo
7 aprile: ADDOLORATA

IL PROGRAMMA DELLE SCINNUTE SARA' PRESSOCHE' IL SEGUENTE:

ORE 17:30 ESECUZIONE BANDA MUSICALE
ORE 18:30 RECITA DEL SANTO ROSARIO NELLA CHIESA DEL PURGATORIO
ORE 18:30 PARTE LA VIA CRUCIS DALLA CHIESA DI SAN DOMENICO
ORE 19:00 CONCELEBRAZIONE EUCARISTICA PRESIEDUTA DAL VESCOVO PIETRO MARIA FRAGNELLI
ORE 20:00 ESECUZIONE BANDA MUSICALE


Programma feste patronali 2016

Tra pochi giorni a Trapani si rivivranno le tradizionali feste patronali in onore di Sant'Alberto(patrono della città) e della Madonna di Trapani(patrona della diocesi).

 

Ecco il dettaglio del programma

PROGRAMMA DELLE FESTE PATRONALI DI TRAPANI 2016

6-7-9 AGOSTO 2016: FESTA IN ONORE DI S. ALBERTO,

IMG_4169PATRONO DELLA CITTA'’ E PATRONO SECONDARIO DELLA DIOCESI

SABATO 6 AGOSTO

ore 10.00 (Santuario Madonna) Concelebrazione Eucaristica.

Rito della benedizione dell’acqua e del dono del cotone di Sant’Alberto.

ore 20.00: Trasporto della statua-reliquiario di S. Alberto dal Santuario alla Cattedrale.

Itinerario: Santuario, via Conte A. Pepoli, via Palma, piazza Nicolodi, viale Regione Siciliana, via G. Verga, (Parrocchia S. Alberto - Rione “S. Alberto”), via Salemi, via Marsala, via G. B. Fardella, piazza Vitt. Emanuele, viale Regina Margherita, piazza Vitt. Veneto, via Garibaldi, via Torrearsa, corso Vitt. Emanuele, Cattedrale.

ore 21.30 (piazza Vitt. Veneto) Consegna delle chiavi della Città al Santo Patrono da parte del Sindaco, Gen. Vito Damiano.

DOMENICA 7 AGOSTO - SOLENNITA’ DI S. ALBERTO

ore 09.30 (dalla Cattedrale) Sfilata dell’Ass. Tamburistica “Vento di Tramontana”

ore 11.00 (Cattedrale) Celebrazione Eucaristica.

Benedizione dell’acqua di S. Alberto e bacio della reliquia.

ore 19.30 (Cattedrale) Concelebrazione Eucaristica, presieduta da S. E. Mons. Pietro Maria Fragnelli, Vescovo di Trapani.

ore 20.45 Processione della statua-reliquiario di S. Alberto

Itinerario: Cattedrale, corso Vitt. Emanuele, via Serisso, viale Regina Elena, via Lauria, via Biscottai (dove è apparso il Santo), via Carrara, corso Italia, via Badiella, via Sette Dolori, via Carreca (dove era la casa natale del Santo), via Barone Sieri Pepoli, via delle Arti, via Torrearsa, (tradizionali “Giochi Pirotecnici” al Palazzo Cavarretta), corso Vitt. Emanuele, Cattedrale

 

MARTEDÌ 9 AGOSTO

ore 19.00 (Cattedrale) Celebrazione Eucaristica.

ore 20.00 Trasporto della statua-reliquiario di S. Alberto dalla Cattedrale al Santuario

Itinerario: Cattedrale, corso Vitt. Emanuele, via Torrearsa, via Garibaldi, piazza Vitt. Veneto, viale Regina Margherita, piazza Vitt. Emanuele, via G. B. Fardella, piazza Martiri d’Ungheria, via Conte A. Pepoli, Santuario della Madonna

 

IMG_277213-14-15-16 AGOSTO 2016: FESTA IN ONORE DELLA MADONNA DI TRAPANI PATRONA DELLA CITTA’ E DELLA DIOCESI 

SABATO 13 AGOSTO - NOTTE MARIANA

ore 21.00 (Molo Garibaldi) Arrivo via mare della statua della Madonna di Trapani - Liturgia della Parola presieduta da S.E. Mons. Pietro Maria Fragnelli, Vescovo di Trapani.

Subito dopo segue il trasporto in Cattedrale.

Itinerario: Molo Garibaldi, Viale Regina Elena, via Serisso, Corso Vitt. Emanuele, Cattedrale.

ore 22.00 (Cattedrale) “Lode a Maria, Madre di Misericordia”.

DOMENICA 14 AGOSTO

ore 17.30 (Porta delle Botteghelle - Ossuna) Manifestazione in onore della Madonna di Trapani, patrona della gente di mare. Momento di preghiera in suffragio dei pescatori, dei marittimi defunti e delle vittime del mare.

ore 18.00 (alla Cattedrale e al Santuario) Quindicina e Celebrazione Eucaristica

LUNEDÌ 15 AGOSTO - SOLENNITÀ DI MARIA SS. ASSUNTA IN CIELO

ore 05.30 Pellegrinaggio a piedi dalla Cattedrale al Santuario, presieduto da S.E. Mons. Pietro Maria Fragnelli.

Itinerario: Cattedrale, corso Vitt. Emanuele, via Torrearsa, via Garibaldi, piazza Vitt. Veneto, viale Regina Margherita, piazza Vitt. Emanuele, via G.B. Fardella, piazza Martiri D’Ungheria, via Conte A. Pepoli, Santuario della Madonna.

ore 07.00 (Santuario Madonna) Concelebrazione Eucaristica.

ore 11.00 e ore 19.00 (Cattedrale) Celebrazioni Eucaristiche.

ore 22.00 (dinanzi Palazzo Cavarretta) X Concerto “ai Santi Patroni” della Banda Musicale “Città di Paceco”, diretta dal M° Claudio Maltese.

MARTEDÌ 16 AGOSTO - SOLENNITÀ DELLA MADONNA DI TRAPANI

ore 09.30 (dalla Cattedrale) Sfilata del gruppo Tamburini Trapanesi “Trinacria”.

ore 10.00 (al Santuario) Solenne Concelebrazione Eucaristica, presieduta da S.E. Mons. Pietro Maria Fragnelli.

ore 11.00 (Cattedrale) Celebrazione Eucaristica.

ore 19.30 (Cattedrale) Concelebrazione Eucaristica, presieduta da S. E. Mons. Pietro Maria Fragnelli, Vescovo di Trapani.

ore 20.45 Processione della statua della Madonna di Trapani

Itinerario: Cattedrale, corso Vitt. Emanuele, via Duca D’Aosta, viale R. Elena, via Amm. Staiti, via XXX Gennaio, corso Italia, via S. Agostino, piazza Saturno, via Torrearsa, corso Vitt. Emanuele, Cattedrale.

ore 24.00: Fuochi pirotecnici.

 

DALL’1 AL 15 AGOSTO 2016 - QUINDICINA in preparazione alla Solennità della MADONNA DI TRAPANI (16 Agosto)

ore 06.00: Quindicina in onore della Madonna di Trapani nel Santuario “Maria SS. Annunziata”, segue alle ore 07.00 la Celebrazione Eucaristica.

ore 18.00: Quindicina in onore della Madonna di Trapani nel Santuario “Maria SS. Annunziata” e nella Chiesa Cattedrale “S. Lorenzo”, segue alle ore 19.00 la Celebrazione Eucaristica.


EVENTI COLLATERALI

LUNEDÌ 8 AGOSTO

ore 22.00 (dal Chiostro S. Domenico) Corteo Medievale in notturna, a cura del gruppo della “Trapani Medievale”, con la partecipazione del nuovo gruppo Musici e Sbandieratori “Real Trinacria” di Trapani-Erice.

Itinerario: Chiostro S. Domenico, piazza S. Domenico, via sette dolori, via Badiella, corso Italia, via S. Agostino, piazza Saturno, via Torrearsa, Casina delle Palme, piazza Dalla Chiesa, piazza Lucatelli, via Turretta, via N. Nasi, via Serisso, corso Vittorio Emanuele, via Torrearsa, via Garibaldi, Scalinata S. Domenico, Chiostro S. Domenico.

MARTEDÌ 9 AGOSTO

ore 20.30 (Chiostro S. Domenico) Villaggio Medievale e Visita guidata alla Real Chiesa di S. Domenico e alla Cappella dei Crociati. (fino alle ore 24)

 

MERCOLEDÌ 10 AGOSTO 2016 - FESTA DI S. LORENZO

TITOLARE DELLA CATTEDRALE e PATRONO DEL QUARTIERE

ore 11.00 (Cattedrale) Concelebrazione Eucaristica e amministrazione del sacramento della Cresima, presieduta da S. Ecc. Mons. Pietro Maria Fragnelli.

ore 19.15 (dalla Cattedrale) Fiaccolata con l’immagine di San Lorenzo.

Itinerario: Corso V. Emanuele, via Torrearsa, Arco dell’Orologio, piazza Notai, via Cuba, via Barone S. Pepoli, via Carreca, piazza S. Domenico, Chiostro S. Domenico

ore 20.00 (Chiostro S. Domenico)Celebrazione Eucaristica e benedizione dei biscotti “Stelle cadenti di S. Lorenzo”.

ore 21.30 (Chiostro S. Domenico) Spettacolo teatrale «Accadde tutto in canonica” di Nato Stabile, a cura del gruppo artistico dell’Associazione Culturale Laurenziana.

 


Acchianata di San Francesco di Paola - spezzoni video

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=0DHGoGq7ms8[/youtube]